Sharks, sconfitta con onore a Terni.

Gli Sharks Palermo alla terza trasferta consecutiva in 4 settimane dopo Napoli e Cagliari, arrivano a Terni in Umbria per la prima volta nella loro storia.
Gli avversari, i Terni Steelers, sono una delle squadre candidate al titolo quest’anno dopo averlo sfiorato in finale l’anno prima.

Sharks che arrivano da 2 risultati importanti in trasferta, vittoria per 38 a 0 a Napoli e 31 a 10 contro Cagliari, con un attacco in grande spolvero grazie ad un ottima linea d’attacco che ha dato sempre il giusto tempo al qb #5 Albanese per piazzare ben 7 Td pass in 2 partite su #81 Mazzone (3 td), #6 Liggio (3td) e #30 Cristina, ed essere riuscita a garantire un ottimo giocao di corsa con i guadagni di #44 Caminita.
La difesa dal canto suo è riuscita stando meno in campo a giocare al meglio delle sue possibilità totalizzando ben 6 intercetti e recuperando 3 fumble nelle ultime 2 partite.

Partita che per motivi logistici si gioca nelle ore più infernali della giornata, ovvero mezzogiorno.

Il primo quarto è combattuto, gli Sharks in attacco muovono la catena grazie ai lanci di #5 Albanese sul Te #13 Menza e su i due Wr Liggio e Mazzone, senza però riuscire a varcare le 30 yard avversarie, la difesa bianco blue riesce a contenere il fortissimo attacco ternano, garzie sopratutto ad alcune azioni chiavi del #22 Militano e nonostante le assenze pesanti a Roster di #55 Fatta, #59 Marraffa, #Spedale soprattutto #8 D’Arpa, LB esterno e Kicker della squadra.
Il primo quarto si chiude 0-0.

Nel secondo quarto però l’attacco Steelers compie un ottimo drive, varcando la linea di meta con Cocchi su un pass del qb Fringuelli. Trasformazione ok e 7-0
Gli Sharks non riescono a reagire in attacco, nonostante i continui guadagni, manca un pizzico di caparbietà in più alla offense palermitana nelle azioni chiave.
Gi Steelers non stanno a guardare e riescono ancora ad andare a segno, grazie ad una serie di portate del runningback italocubano Almeida e al definitivo td di Crocelli, ancora su pass di Fringuelli. 14-0
Gli Sharks reagiscono e dopo un drive di circa 80 yard sono costretti al punt, ma un fumble del ritornatore Ternano, provocato da #71 Di Piazza e ricoperto da #59 Tocco restituisce ancora palla alla offense palermitana. E qui, non c’è storia, si deve segnare. E infatti dopo alcuni guadagni il #30 Cristina va a segno. Trasformazione del Kicker all’esordio #80 Mazzone e 14-7. Partita apertissima.
A pochi secondi dalla fine del primo tempo, con un caldo asfissiante, l’attacco Ternano ha la possibilità di allungare. Frignuelli prova 3 pass profondi per garantirsi una segnatura, ma a 7 secondi dal termine viene intercettato dallo stesso Albanese prestato temporaneamente in difesa per le ultime azioni. Su quest’azione finisce il primo tempo.

Il terzo quarto però non si apre nel migliore dei modi per i palermitani; gli Steelers vanno subito a segno con una corsa di 8 yard di Fringuelli, e nell’azione successiva Albanese viene intercettato da Amato che ritorna in endzone. Inizio terzo quarto Shock e Sharks sotto 29 a 7.
L’attacco però riesce a reagire e albanese dopo un lungo lancio su Menza riesce a imbeccare il #81 Mazzone che si invola in endzone e segna l’accorcio di distanza.
La trasformazione da 2 punti, non va a buon fine e risultato sul 29 a 13.
Gli Steelers però non danno il tempo e tornano protagonisti subito in attacco. Alla prima portata è Almeida con una corsa di 33 yard ad andare a segno e portare gli Steelers sul 36-13. Fine Terzo Quarto.

Il quarto quarto è caratterizzato dalla stanchezza da parte dei giocatori di entrambe le squadre. Gli Sharks però non mollano niente fino alla fine e in attacco arrivano bene 2 volte nella red zone avversaria senza però riuscire a varcare la end-zone, la difesa invece riesce a tenere duro contro l’attacco ternano che prova ad allungare il vantaggio.

Sotto un afa infernale gli arbitri fischiano la fine sul meritato 36-13 per gli Steelers che quindi proseguono il loro cammino.
Per gli Sharks, un altra giornata da ricordare nonostante la sconfitta e l’eliminazione dal torneo, data la pochissima esperienza della maggior parte dei giocatori che sono scesi in campo con grande foga agonistica e rispetto dell’avversario, non risparmiandosi fino alla fine.

Al termine della gara delizioso rinfresco offerto dagli ospitalissimi Terni Steelers.

La stagione agonistica degli Sharks termina così, e meglio di così non la si poteva immaginare.